Smart Mews. Un ausilio prezioso

Il sistema integrato SMARTMEWS rappresenta quanto di più evoluto in termini di tecnologia medica per il monitoraggio remoto dei parametri vitali e per la raccolta di dati clinici, la diffusione e l’informazione ai medici, ricercatori e pazienti e per l’offerta diretta di cure attraverso la telemedicina mobile.
Al suo interno sono presenti, un monitor multiparametrico (ECG, SaPO2 , Frequenza Respiratoria- FR, due canali di Temperatura – T°, un canale per la misurazione della Pressione Arteriosa Non Invasiva – NIBP), una cartella clinica computerizzata completa e che permette la compilazione , anche in automatico di alcuni scores (Modified Early Warning Score – MEWS, Glasgow Coma Scale – GCS, Glasgow Outcome Scale – GOS, Coma Recovery Scale- Revised – CRS-R, Sequential Organ Failure Assessment score – SOFA Score ecc.) e nella versione SMARTMEWS PLUS anche un concentratore di Ossigeno che eroga fino a 5 L/min (Ossigenoterapia), un aspiratore di mucosità (Vacuum-terapia) ed un ventilatore polmonare presso-volumetrico. Infine è presente un canale di videocomunicazione in alta definizione. Tutti i dispositivi sono collegati in rete intranet e centralizzati in una Central Station SMARTMEWS in Rianimazione. I dati ottenuti dal monitor dei parametri vitali, attraverso una procedura di “Track and Trigger”, vengono elaborati automaticamente dal computer a bordo e ad ogni valore di F.C., F.R., SaPO2, T°, NIBP assegna un punteggio in base al M.E.W.S. e ne calcola il totale; se inferiore a 5 attiva diversi protocolli di assistenza standard nel reparto di degenza, se = > 6 viene inviato un Alert alla Central Station in Rianimazione e viene attivato (Trigger) il RRT (Rapid Response Team) formato da un anestesista-rianimatore e da un infermiere di Terapia Intensiva, che immediatamente si reca a letto del paziente che presenta tale criticità. Questo sistema crea un feedback estremamente positivo in termini di mortalità e morbilità in quanto è descritto in letteratura, come abbiamo visto, che gli eventi avversi gravi sono preannunciati almeno 8 ore prima che si determinano attraverso alterazioni significative dei parametri vitali.